sabato, ottobre 21, 2017

Pizzaburger Cheese 'n' Nachos - DrOetker


Pizzaburger Cheese 'n' Nachos - DrOetker
Ciao!

Sembra che la "follia" del Dt Oetker non ha confini.
E limiti.


Dopo il "Pizzaburger" classico , la pizza bianca prosciutto e patata ( non male...) , la pizza bolognese, la pizza-pollo ed altre amenita' americane, sulla piazza Patatole e' comparsa anche questa ultima novita':

la PizzaBurger Cheese 'n' Nachos.


Certo.. se il mercato lo richiede allora bisogna procurarlo, inventarlo e seguire le nuove tendenze.

Forse in questo caso si andava alla ricerca di un burger "scrocchiarello" al formaggio??.

Di sicuro quando l'ho visto nella teca mi sono girata dall'altra parte disgustata.

Alzi la mano chi lo vuole provare!


Un po' qua ... und ein bisschen dort

venerdì, ottobre 20, 2017

Frantoio Gaziello - Liguria

Durante la visita pasquale degli zii (Mia & Silvano) ci hanno fatto dono di prodotti della loro terra (di adozione): la Liguria.

Ne siamo stati felicissimi e ne abbiamo fatto incetta.

I regali arrivati sono prodotti dal Frantotio Gaziello: trofie, pate' di cipolle, pesto, olive ed olio extra vergine.
Una vera libidine per i nostri palati!

Da più di un secolo la famiglia Gaziello produce vero olio ligure, che rivende nella bottega di Ventimiglia insieme ad altri prodotti a base di olio: olio di oliva tradizionale e olio extra vergine di oliva nelle varianti Dulcifructo, olive in salamoia e snocciolate, polpa di olive, prodotti tipici sott'olio, salse e paté, ma anche filetti di tonno e di acciughe.
Per non dimenticare anche i saponi ed altri prodotti per la cura della persona.

Qui alcune foto rappresentanti il nostro "bottino"...
Olio e pate' -  Frantoio Gaziello
Pate' di cipolle -  Frantoio Gaziello
Trofie -  Frantoio Gaziello
Quanto ci e' rimasto e' solo un poco di olio ed alcune olive taggiasche.
Peccato non esserci fermati a fare ULTERIORI acquisti durante la vacanza ligure.

Mai perdere simili occasioni :(

Per ulteriori dettagli:
http://www.oliogaziello.com/


Un po' qua ... und ein bisschen dort

giovedì, ottobre 19, 2017

Zuppa di cipolle "light"

Ritorno ai vecchi anni passati con questa NUOVA Zuppa di Cipolle.

Diciamo che questa volta me la sono presa comoda, non ho pesato piu' di tanto ed ho fatto un po' curiosando qua e la' le varie offerte date dalla grande Internet.


Indicativamente:

900gr cipolle
2 cucchiai di olio (ma e' decisamente troppo!)
1 cucchiaio farina (leggermente abbondante)
1 litro di brodo con dado
1 foglia alloro

In seguito - al momento di mangiarla - aggiungero'

pane casareccio
emmental
pepe; sale

Come l'ho preparata questa volta:

Sbucciare le cipolle e tagliarle a fettine
Riscaldare l'olio in una pentola antiaderente fino ad arrivare a farlo quasi soffriggere.
Versarvi le cipolle, aggiungere 2 cucchiai di acqua ed incoperchiare.
Lasciar cuocere a fuoco basso per 45 minuti, mescolando ogni tanto, con la pentola coperta.

Unite la farina, mescolando ben bene.

Aggiungere il brodo (io tutto in una volta.. ma se la pentola era piu' capiente era meglio), salare, pepare, aggiungere una foglia di alloro e cuocere ancora per una mezz'oretta (le cipolle devono diventare molto morbide e dorate), con il coperchio.

Zuppa di cipolle "light"

Lo so che una spruzzatina di vino ci sarebbe stata bene, e nella totalita' dei punti non si sarebbe notata molto.. ma va bene anche cosi'.


Riassumendo il punteggio per la dieta WW ProPoint:

900gr cipolle                                                 0
2 cucchiai di olio (ma e' anche troppo!)      8 
               (considerando 4 cucchiaini = 1 cucchiaio), ma era troppo
1 cucchiaio farina (20gr ??)                          2
1 litro di brodo con dado                              0
pepe; sale                                                      0
1 foglia alloro                                                0

considerando che si ottengono _almeno_ 6-8 porzioni, potrebbe andare :)
Basta non esagerare con il formaggio ed i crostoni di pane.


Buon appetito.



Un po' qua ... und ein bisschen dort

mercoledì, ottobre 18, 2017

Grillido

Per quest'anno il BBQ e' stato messo a riposo.

Non e' stato usato molto, il clima estivo non era per niente caldo e soleggiato, ma piovoso e fresco.

Ma il "grillido" e' stato ugualmente testato, anche in gusti diversi
Sia quello con pezzettini di formaggio, che quello al chili (cosi' da essere sicura di non cadere in tentazione e mangiarlo anche io, limitiamo i kg, se possibile) :)
Grillido - confezione
Le salsicce Grillido sono particolarmente: basso contenuto di grassi, buon gusto, buona carne e nessun additivo.
Grillido - cotto nel piatto
Onestamente a noi sono anche piaciute.
Una volta cotte sono leggermente "asciutte".
Se uno si aspetta una salsiccia succulenta e piena di liquido (grassi sciolti) qui casca male.

Le ho acquistate direttamente al supermercato, senza fare troppa fatica nel cercarle, in effetti non ne sono andata alla ricerca, ma era qualche cosa che mi ha "affascinato" immediatamente e non ne so ancora il motivo.


Un po' qua ... und ein bisschen dort

martedì, ottobre 17, 2017

Uovo cotto nel micro

A sinistra l'uovo - a destra la tazza per il micro
Uovo cotto, ancora nella tazza
Sempre in giro alla ricerca di nuove cose da sperimentare.
Chi si ferma e' perso (o perduto??)

Questa volta, come suggerisce il titolo di questo post, si tratta di cuocere delle uova nel microonde.

Diciamolo pure, potrebbe spaventare ed anche esplodere (l'uovo) se non si prendono delle precauzioni.

Nel nostro caso, l'uovo risultera' all'occhio di bue.


Ma procediamo con ordine:

- mettere in una ciotolina 125ml di acqua fredda
- rompere l'uovo in una seconda ciotolina
- versare l'uovo, facendolo scivolare lentamente, nell'acqua fredda.
- coprire con un piattino (o una pellicola) la ciotola contenente uova ed acqua
- mettere nel micro al massimo per 45secondi
- l'uovo e' pronto

Uovo cotto nel micro
Se piace con il tuorlo piu' sodo, lasciare la ciotolina coperta per qualche secondo in piu'.

In questo modo, non si usa grasso (burro o olio per l'eventuale pentola) e non si sporca neppure il padellino  :)

Ricordate, ogni uovo ha solo 2PP!!

Provate e fatemi sapere!


Un po' qua ... und ein bisschen dort

lunedì, ottobre 16, 2017

Pastelli colorati

Pastelli a cera - riutilizzabili
Lo avevo letto e l'ho voluto rifare.

Si tratta di prendere e riutilizzare tutti gli innumerevoli moncherini di pastelli a cera sparsi per gli astucci, togliere la carta intorno, spezzettarli e farli cuocere in forno a 180gradi fino al loro scioglimento (non completo, ma quel tanto che basta ad assemblarli in un pezzo unico).

Nel mio caso, purtroppo, sono passati "leggermente di cottura", tanto che alcuni si sono praticamente liquefatti.

Da quanto avevo letto, i pastelli a cera, una volta spezzettati, venivano inseriti direttamente in stampini e poi passati al forno.

Ma come comportarsi con quella "leggera" patina di cera che poi rimane nello stampo?
A me le formine/tagliabiscotti servono appunto per biscottare... e se non vengono lavati correttamente, che si fa?
Anche quando preparavo le candele avevo degli utensili apposta per l'uso.

Detto.. fatto..

Si prende direttamente un cartoncino-teglia avanzato (quelli della Cameo, ad esempio) gia' plastificato e si utilizza come contenitore da forno.
Naturalmente bisogna anche adattarlo alle proprie esigenze e dimensioni.

Poi si prende un Nonno che non ha niente da fare e gli si chiede di tagliare il risultato.
{ Ancora piu' semplice }
Pastelli a cera - riutilizzabili
Pastelli a cera - riutilizzabili
 A cosa serve tutto 'sto lavoro?

Beh, se avete bambini piccoli, e' poi piu' semplice prendere in mano questi nuovi formati di colori.
Inoltre quando si scrive sono multicolore-arcobaleno.. quindi sono bellissimi (si, puo' anche dipendere dalla materia prima originale).
Se poi si organizza una festa di compleanno, sempre per bimbi piccoli, si possono tagliare a formine e le bimbette ne saranno deliziate  :)



Un po' qua ... und ein bisschen dort

domenica, ottobre 15, 2017

Orchidee della Zia Carmen

Alcune scatti 'rubati' nella serra della Zia Carmen.

Peccato non sapere il nome!

Brassavola Nodosa


Se (ri)conoscete qualcuna di queste orchidee, e ne sapete il nome, ditemelo, cosi' da aggiornare questo post.

Danke!

Questa foto, invece, non ritrae orchidee.
Ma il tramonto dalla serra della zia.



Un po' qua ... und ein bisschen dort